Galleria fotografica Saggio teatro 2007

Domenica 13 maggio 2007 la ns. Compagnia di teatro mette in scena "Le parole che non ti ho detto”. Come risollevare le sorti di un liceo americano decaduto? Il preside (Giacomo G.) propone di contattare una psicologa (Elisa P.) esperta in comportamenti adolescenziali: il suo compito sarà quello di introdurre tecniche innovative e di richiamo che facciano lievitare il numero delle iscrizioni. La prof. di inglese (Giulia C.) però non è d'accordo e si sfoga con la sua collega di scienze (Maria B.). Anche l'insegnante di francese (Maya L.) e la segretaria (Manuela D.) s'interrogano sull'opportunità o meno di questa nuova presenza.  
I ragazzi accolgono tutt'altro che benevolmente i metodi alternativi di questa stravagante signorina che, nel tentativo di aiutare la piccola Meggy (Margherita M.) ad esternare il suo sogno segreto, ottiene, per tutta risposta: "Cioccolata!"  
Nel frattempo la prof. di danza (Silvia R.) si impegna per preparare uno spettacolo che dovrebbe avere come scopo quello di entusiasmare i genitori e "sollecitarli" a rilasciare generose offerte a beneficio del bilancio della scuola. Preziosa a questo proposito si rivelerà la collaborazione del prof. di educazione fisica (Louis A.) e del prof. di tecnica fotografica (Matteo X.), artefici di un rinnovamento coreografico destinato a lasciare tutti a bocca aperta. Nel frattempo la psicologa tenterà, con scarso successo, di applicare alla prof. d'inglese la tecnica denominata "le parole che non ti ho detto", in base alla quale l'insegnante dovrebbe trovare il coraggio di esternare al preside i sentimenti che da tempo prova per lui. La sera dello spettacolo tutti i docenti si ritrovano, prima per ammirare soddisfatti il grande flusso di genitori e parenti, poi per sedersi fra il pubblico e gustare la deliziosa coreografia. È il momento del colpo di scena: dopo un inizio più che mai classico e tradizionale, sbucano da dietro le quinte i tre prof. la cui assenza aveva suscitato molti interrogativi.  
Eccoli sul palco dare vita ad una scatenata esibizione che suscita nel pubblico un entusiasmo a dir poco delirante....Tutti sembrano soddisfatti e i genitori arrivano a "sganciare" ben 6500 dollari!!! L'unica a non gradire la novità è la prof. d'inglese, scandalizzata per il comportamento così poco professionale dei suoi colleghi.
La faccenda si fa seria e l'inossidabile prof. arriva a proporre un consiglio straordinario per decretare l'espulsione dei tre! Come se non bastasse, un misterioso ladro si introduce nello studio del preside e ruba i 6500 dollari. Altro colpo di scena: iI tre prof che rischiano l'espulsione scoprono un indizio che sembra inequivocabilmente indicare come colpevole del furto proprio la prof. d'inglese!  
Dopo una sofferta contrattazione i quattro arrivano ad un accordo: l'indizio verrà fatto sparire e, in cambio, la prof. desisterà dal proposito di volere espellere i tre "ballerini".

Eccoci infine all'ultimo giorno di scuola: i ragazzi (Elisabetta A., Serena B., Barbara M. Pamela O., Riccardo P., Riccardo R.), che hanno finalmente accettato di applicare la tecnica "le parole che non ti ho detto", espongono ai professori i loro lavori. Forse non sempre i risultati sono apprezzabili, ma i prof. e la psicologa dimostrano comunque la loro approvazione, finché la piccola Meggy confessa candidamente di essersi appropriata dei 6500 dollari per realizzare un bellissimo cartellone!  
Scagionata l'innocente prof., ecco il momento per dirsi le parole che più contano: "grazie per...", "perdonami per...", fino all'attesissimo..."ti voglio bene!". Applausi!!!!!!!! 

N.B.: se qualcuno ritratto in una o più immagini di quelle qui pubblicate desidera essere tolto, basta che l'interessato lo comunichi a (o di persona) e provvederemo ad eliminare la/le foto ...della discordia.

Buona visione ;-)

 

Questo sito utilizza cookies tecnici, cookies analytics e cookies di terze parti per ottimizzare la navigazione e per rendere possibile
il funzionamento di alcune componenti. Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'utilizzo dei cookies.